Active Safety Brake: la frenata automatica di emergenza

ADAS

Il continuo progresso tecnologico vede le vetture Peugeot diventare veri e propri laboratori viaggianti dotati di sistemi elettronici di assistenza alla guida sviluppati per tutelare al massimo l’incolumità di guidatore e passeggero. Questi ausili elettronici vengono indicati con l’acronimo ADAS, cioè Advanced Driver Assistance Systems. Quando si parla di “sistema ADAS” si intendono tutti quei dispositivi installati sulle vetture di nuova omologazione per ridurre al minimo i rischi di incidente ed agevolare la vita a bordo dell’automobile.

I modelli Peugeot dotati di sistema di frenata automatica

Il sistema di frenata automatica d'emergenza è oggi disponibile di serie o come optional su tutta la gamma Peugeot, a cominciare da Peugeot 108. Su questa vettura, come sulla sorella maggiore Peugeot 208, è presente l'Active City Brake, una particolare tipologia di frenata assistita che attraverso un laser a corto raggio consente di ridurre il rischio di collisione sulle strade urbane. Tale dispositivo, capace di rilevare qualsiasi ostacolo entro i 30 Km/h e di garantire una decelerazione automatica massima di 10 m/s, è presente inoltre nella dotazione di Peugeot 2008, il SUV compatto e versatile che si disimpegna egregiamente anche sulle insidiose strade urbane.

I modelli Peugeot 308 e SUV 3008 dispongono invece dell'Active Safety Brake, un sistema di frenata assistita più avanzato che lavora in sinergia con altri dispositivi di sicurezza. Questi comprendono il sistema di monitoraggio della distanza di sicurezza Distance Alert, il rilevatore di stanchezza Driver Attention Alert e lo Speed Limit Detection System, che avvisa il conducente ad ogni variazione dei limiti di velocità.

Sugli ultimi modelli come la Nuova Peugeot 508, è disponibile inoltre il sistema Night Vision, l'ultima evoluzione della frenata assistita Peugeot che permette d'individuare la presenza di esseri viventi davanti al veicolo anche di notte o in condizioni di scarsa visibilità.

Cos’è il sistema di frenata automatica d'emergenza

Negli ultimi anni, Peugeot si è concentrata sullo sviluppo di un sistema ADAS in grado di ridurre il rischio d'incidente stradale nelle situazioni di pericolo più comuni. Dagli studi effettuati è apparso evidente, fin da subito, come la distrazione fosse una delle principali cause d'incidente a velocità medio-basse, soprattutto sulle strade urbane o particolarmente trafficate.

A tal proposito, Peugeot mette a disposizione dei suoi clienti un sistema di frenata automatica d'emergenza chiamato Active Safety Brake, un dispositivo elettronico capace di rilevare la presenza di eventuali ostacoli sulla strada e di frenare autonomamente il veicolo senza l'intervento del conducente.

Come funziona il sistema di frenata automatica d'emergenza

Il funzionamento della frenata assistita sulle moderne autovetture è regolato da un complesso sistema di sensori che rilevano continuamente la velocità del veicolo e la presenza di eventuali ostacoli sulla sua direzione di marcia.

Esso si basa essenzialmente su un radar, una telecamera o un sensore di rifrazione della luce - installati nella parte frontale dell'auto - che attraverso i dati raccolti consentono alla centralina di calcolare la sua traiettoria e la probabilità di collisione con i veicoli o gli ostacoli che la precedono. Nelle situazioni di pericolo, dunque, il sistema avverte il guidatore attraverso un allarme sonoro e, in caso di mancata reazione da parte di quest'ultimo, interviene frenando automaticamente la vettura.

I sistemi anticollisione, tuttavia, si differenziano per la loro destinazione d'uso e la tecnologia utilizzata. Quelli progettati per la prevenzione degli incidenti a bassa velocità si trovano normalmente sulle utilitarie ed utilizzano delle speciali telecamere o dei radar a corto raggio che hanno soprattutto il compito di ridurre il rischio di collisione con i pedoni. Viceversa, i sistemi abilitati per l'intervento a velocità più elevate fanno uso di un radar a medio raggio e lavorano spesso in sinergia con il cruise control adattivo. Quest'ultimo, una volta attivato, può infatti regolare la velocità di crociera sulla base dei dati raccolti dal radar e dagli altri sensori del sistema di frenata automatica, mantenendo così la distanza di sicurezza dagli altri veicoli.

L'Active Safety Brake di Peugeot coniuga entrambe le tipologie di frenata assistita in unico rivoluzionario sistema in grado d'intervenire in un range di velocità comprese fra i 5 e i 140 Km/h in prossimità di un veicolo in movimento. In presenza di un ostacolo immobile o di un pedone, invece, il sistema può intervenire rispettivamente entro una velocità di 80 e 60 Km/h. Fondamentale per il buon funzionamento di questo dispositivo è inoltre la presenza del Distance Alert, un sensore complementare che monitora la distanza dagli altri veicoli, allertando il conducente nel caso in cui questa si riduca oltre la soglia di sicurezza.

Quali sono i vantaggi della frenata automatica d'emergenza

Il sistema di frenata automatica rappresenta il presente e il futuro della sicurezza stradale. La sinergia fra questo ed altri dispositivi anticollisione potrebbe teoricamente azzerare gli incidenti dovuti alla distrazione, proteggendo non solo gli automobilisti, ma anche i pedoni e i ciclisti, che sono notoriamente i soggetti più deboli presenti sulle strade. Inoltre, nelle situazioni in cui è impossibile evitare l'impatto, la frenata assistita può comunque limitare i danni intervenendo con notevole anticipo rispetto ai normali tempi di reazione di un essere umano.

Secondo le stime della Commissione Europea, l'introduzione della frenata automatica d'emergenza su larga scala consentirebbe di ridurre gli incidenti stradali del 27%, salvando la vita ad oltre 8 mila persone ogni anno. Numeri importanti, che certificano l'utilità di una tecnologia ancora troppo poco diffusa. Attualmente, infatti, solo il 21% dei veicoli circolanti in Europa dispone di un sistema di frenata assistita, il quale, contrariamente a quanto si possa immaginare, non è stato ancora incluso nella lista dei dispositivi di sicurezza obbligatori. Tuttavia, la sua presenza è già da tempo necessaria per poter ottenere il massimo punteggio (5 stelle) nei crash test EuroNCAP, l'ente europeo che si occupa di certificare il livello di sicurezza delle vetture commercializzate nel Vecchio Continente.